Tatuaggio Carpa Koi

TATUAGGI CARPE KOI : SIGNIFICATO, FOTO E DISEGNI

La carpa che solitamente si tatua proviene dai disegni cinesi e dai tatuaggi giapponesi. Ecco perché, abitualmente, quando si parla di tatuaggi e di carpe si parla di Carpa Koi. Il termine giapponese Koi significa semplicemente carpa. La carpa Koi (鲤) più specificamente nishikigoi (锦鲤, pron. Niscichigoi, Letteralmente “carpa broccata”) o carpa giapponese, raggruppa tutte le diverse varietà ornamentali della carpa comune. Le carpe sono simbolo di affetto e di amicizia. Le Koi e i tatuaggi di carpe Koi sono per tradizione considerati dei portafortuna.

Le Koi sono state sviluppate dalla carpa comune nell’antica Cina durante la Dinastia Jin. La carpa comune è stata introdotta in Giappone attraverso la Cina nel XV secolo. Proprio in Giappone iniziò la produzione di carpe con colorazioni differenti. La carpa è anche simbolo di coraggio: se catturata, affronta la lama del coltello senza ombra di paura, così come un samurai affronta la lama nemica.

In Giappone si dice che, a differenza degli altri pesci che tentano di fuggire, quando si trova sul tagliere la carpa non trema e rimane immobile. La leggenda narra che la carpa sia un pesce sacro, che con estrema forza risalga le cascate fino a raggiungere la fantomatica “Porta del Drago“, attraversata la quale diventerà dragone e riuscirà ad ottenere l’immortalità. La carpa Koi ha caratteristiche fortemente mistico-religiose, non a caso le carpe sono sempre presenti nei laghetti dei templi giapponesi, in vari colori e in varie grandezze, per ricordare a tutti che l’immortalità alberga in quel luogo. Ecco, in breve, la leggenda della carpa: “una carpa coraggiosa e perseverante riuscì a risalire la cascata situata sulla porta del Drago, lungo il Fiume Giallo, superando ostacoli e spiriti malvagi. Gli dèi, impressionati da tanto coraggio, la trasformarono in un grande drago.

Sotto forma di drago, la carpa acquisì il dono dell’immortalità, diventando così il simbolo di chi aspira a compiere grandi imprese e non teme di affrontare le avversità della vita.” Risulta chiaro quindi che, quando si inizia a pensare di farsi tatuare una bella carpa sulla propria pelle, occorre tenere anche in considerazione l’ipotesi che questa carpa un giorno potrebbe trasformarsi, sempre a livello di tatuaggio, in un bellissimo e fortissimo Drago. Ecco perché il tatuaggio della carpa (che diventa poi Drago) necessità di ampio spazio corporeo!

FOTO E DISEGNI TATUAGGI CARPE KOI

  • 09589d69
  • 1325962591578F004E
  • DSCN0426_modificato-1
  • DSCN0808
  • DSCN0836
  • DSCN2415
  • imagesMPP5IP0H
  • imagesRJEM13SW
  • imagesRRKJXXOU
  • koi flashblog
  • koi-tattoo-flash-1
  • willem-koi-flash

TATUAGGI REALIZZATI DA PEPPE TATTOO DEL TATTOO FANTASY A CIVITANOVA MARCHE

La carpa koi è una delle caratteristiche tipiche dell’iconografia del tatuaggio giapponese e il loro significato primario risiede nel coraggio, nella perseveranza e nella virilità. in genere viene tatuata rivolta verso l’alto perchè risale la corrente delle cascate ed affronta le avversità, per questo motivo nell’antichità era il tipico soggetto per giovani ragazzi che aspiravano alle tipiche virtù virili. Si dice che la carpa sia in grado di risalire agilmente le cascate e, se catturata, affronti la lama del coltello senza ombra di paura, così come un samurai affronta la lama nemica. Ci sono anche delle teorie secondo le quali le carpe koi sarebbero lo stato embrionale del drago e una volta risalita la cascata si trasformerebbero appunto in un drago, simbolo di immortalità. La leggenda narra che la carpa sia un pesce sacro, che con estrema forza risalga le cascate fino a raggiungere la fantomatica “Porta del Drago“, attraversata la quale diventerà dragone e riuscirà ad ottenere l’immortalità. La carpa koi ha quindi una connotazione fortemente mistico/religiosa, infatti questi pesci sono sempre presenti nei laghetti dei templi giapponesi, in vari colori e in varie grandezze, per ricordare a tutti che l’immortalità alberga in quel luogo.

LA STORIA DEL TATUAGGIO CARPA KOI

La carpa che solitamente si tatua proviene dai disegni cinesi e dai tatuaggi giapponesi. Ecco perché, abitualmente, quando si parla di tatuaggi e di carpe si parla di Carpa Koi. Il termine giapponese Koi significa semplicemente carpa. La carpa Koi (鲤) più specificamente nishikigoi (锦鲤, pron. Niscichigoi, Letteralmente “carpa broccata”) o carpa giapponese, raggruppa tutte le diverse varietà ornamentali della carpa comune. Le carpe sono simbolo di affetto e di amicizia. Le Koi e i tatuaggi di carpe Koi sono per tradizione considerati dei portafortuna. Le Koi sono state sviluppate dalla carpa comune nell’antica Cina durante la Dinastia Jin. La carpa comune è stata introdotta in Giappone attraverso la Cina nel XV secolo. Proprio in Giappone iniziò la produzione di carpe con colorazioni differenti. La carpa è anche simbolo di coraggio: se catturata, affronta la lama del coltello senza ombra di paura, così come un samurai affronta la lama nemica. In Giappone si dice che, a differenza degli altri pesci che tentano di fuggire, quando si trova sul tagliere la carpa non trema e rimane immobile. La leggenda narra che la carpa sia un pesce sacro, che con estrema forza risalga le cascate fino a raggiungere la fantomatica “Porta del Drago“, attraversata la quale diventerà dragone e riuscirà ad ottenere l’immortalità. La carpa Koi ha caratteristiche fortemente mistico-religiose, non a caso le carpe sono sempre presenti nei laghetti dei templi giapponesi, in vari colori e in varie grandezze, per ricordare a tutti che l’immortalità alberga in quel luogo. Ecco, in breve, la leggenda della carpa: “una carpa coraggiosa e perseverante riuscì a risalire la cascata situata sulla porta del Drago, lungo il Fiume Giallo, superando ostacoli e spiriti malvagi. Gli dèi, impressionati da tanto coraggio, la trasformarono in un grande drago.




COMMENTI